E’ stato calcolato che il 70 per cento del costo di un litro di benzina verde è costituito da accise ed imposte alcune delle quali risultano davvero sconcertanti e vergognose, come ad esempio:

# 1,90 lire per la guerra di Abissinia del 1935;
# 14 lire per la crisi di Suez del 1956;
# 10 lire per il disastro del Vajont del 1963;
# 10 lire per l’alluvione di Firenze del 1966;
# 10 lire per il terremoto del Belice del 1968;
# 99 lire per il terremoto del Friuli del 1976;
# 75 lire per il terremoto dell’Irpinia del 1980;
# 205 lire per la missione in Libano del 1983;
# 22 lire per la missione in Bosnia del 1996;
# 0,020 euro per rinnovo contratto autoferrotranviari 2004

Il tutto per un totale di 486 lire, cioè 0,25 euro!

 

 

Il buon senso vorrebbe che al cessare della causa che determina una tassa, dovrebbe cessare la tassa stessa. In Italia invece non è così. Anzi, su queste accise, che in sostanza sono tasse, viene applicata l’IVA, cioè una tassa sulla tassa!!!

Non è arrivato il momento di far sentire la nostra voce?

 

(Fonte: Governo italiano: www.camera.it/_dati/leg14/lavori/stenografici/sed440/pdfbt31.pdf)

 


Commenti



3 Commenti

  1.    Lara on 6 Gennaio 2008 23:43

    oh…su quante di quelle cose dovremmo far sentire la nostra voce, con questo governo…

    ma sembra che a tutti, nonostante le lamentele, vada bene così…

  2.    uomodamarciapiede on 8 Gennaio 2008 00:34

    davvero un bel post di informazione, grazie amico mio molte di queste voci neanche le conoscevo…beh, proviamo a dare informazione..vediamo che succede..

  3.    la zecca fli on 8 Gennaio 2008 15:53

    Solo un saluto siculo.No al Pd.La Zecca F.L.I.

Nome (obbligatorio)

Email (obbligatorio)

Sito web

Speak your mind

Codice di sicurezza: